Obiettivi Provare l’efficacia e la sicurezza dell’ integrazione di L -citrullina orale per migliorare l’ erezione in pazienti con disfunzione erettile lieve e media (DE). L’ integrazione di L-arginina migliora la vasodilatazione mediata dall’ossido nitrico e la funzione endoteliale; tuttavia, la somministrazione orale di questo amminoacido è ostacolata dal suo importante metabolismo presistemico a livello epatico. Al contrario,la L-citrullina sfugge dal metabolismo presistemico ed è convertita in L-arginina a livello periferico, così da porre il razionale per la supplementazione orale di L-citrullina come un precursore per il L-arginina/ossido nitrico nel fisiologico meccanismo dell’erezione . Metodi Nello studio ,attuato in singolo cieco,gli uomini con DE di media gravità (erection hardness score of 3) ha ricevuto un placebo per un mese e la L-citrullina, 1.5 g/d, per un altro mese. Sono stati registrati l’ erection hardness score, il numero di rapporti durante il mese, l’indice di soddisfazione e gli eventuali eventi avversi. Risultati Un totale di 24 pazienti, di età tra 56.5 9.8 anni ±, è stato incluso ed ha concluso lo studio senza eventi avversi. Il miglioramento dell’ erection hardness score da 3 (ED media gravità) a 4 ( funzione erettile normale) si è verificato nel 2 (l’8.3%) dei 24 uomini quando prendeva placebo e 12 (il 50%) dei 24 uomini quando prendeva l-citrullina (P<0.1). Il numero medio di rapporti al mese è aumentato da 1.37 ± 0.93 ol momento zero a 1.53 ± 1.00 alla fine di fase di placebo (P = .57) e di 2.3 che ± 1.37 alla fine del trattamento con L- Citrullina (P < .01). Tutti i pazienti che riferivano un miglioramento del punteggio di erezione dell’ erection hardness score da 3 a 4 hanno riferito di essere stati molto soddisfatti dei risultati ottenuti. Conclusioni Sebbene meno efficace degli inibitori dell’enzima fosfodiesterasi -5, almeno nel breve termine, è stato dimostrato che la supplementazione di L-citrullina è sicura ed psicologicamente bene accetta. Il suo ruolo nel trattamento del DE lieve e moderato,in particolare in pazienti con remore psicologiche nell’uso degli inibitori della fosfodiesterasi-5 , merita ulteriori ricerche.

Commenta

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.